Seleziona una pagina

Shutterstock Di Savannah Sher / 26 maggio 2021 12:31 EDT

Le piante d'appartamento sono un ottimo modo per portare un po' di natura nella tua casa. Migliorano la qualità dell'aria e hanno una serie di altri benefici per la salute, tra cui la riduzione dello stress e il miglioramento della concentrazione. Senza contare che rallegrano ogni stanza e sono molto trendy in questo momento. Sfortunatamente, tuttavia, alcune delle piante d'appartamento più popolari e comuni possono essere tossiche per i cani se ingerite.

Sebbene la maggior parte di queste piante non sia fatale, possono causare problemi gastrointestinali e una vasta gamma di altri sintomi, che possono essere gravi. Se hai già una di queste piante in casa, assicurati di posizionarle in alto, dove saranno fuori dalla portata dei tuoi amici a quattro zampe. Se il tuo cane consuma una di queste piante, assicurati di contattare immediatamente il veterinario se mostra dei sintomi. Continua a leggere per conoscere le cinque piante d'appartamento che dovresti evitare se hai dei cani.

Aloe Vera

Shutterstock

L'aloe vera è una delle piante grasse indoor più popolari. È facile da coltivare e richiede luce solare indiretta. Inoltre, il gel all'interno delle foglie è un rimedio popolare comune per la guarigione di piccoli tagli e ustioni. Ma, mentre l'aloe ha una serie di usi medicinali per l'uomo, è da lievemente a moderatamente tossico per i cani.

Secondo l'ASPCA, l'aloe è tossica sia per cani che per gatti e può causare vomito, letargia e diarrea. "L'aloe contiene glicosidi antrachinonici, che sono purganti (farmaci che incoraggiano i movimenti intestinali)", secondo Pet Poison Helpline. Questo è ciò che provoca disturbi gastrointestinali negli animali domestici.

Gli stessi effetti possono verificarsi anche se gli esseri umani ingeriscono la pianta, quindi assicurati di utilizzare il gel solo per uso esterno. Infatti, fino al 2002, quando la Food and Drug Administration lo riteneva pericoloso, l'aloina, un composto presente in alcune specie di piante di aloe, veniva usata come ingrediente nei lassativi.

Filodendro

Shutterstock

I filodendri sono una delle piante d'appartamento più facili da coltivare e fanno una dichiarazione visiva sorprendente con le loro lunghe viti finali. Questo genere di piante contiene molte specie diverse che sono frequentemente utilizzate come piante d'appartamento, tra cui il filodendro a foglia di cuore, il filodendro arrossato e il filodendro a foglia di velluto. Sono incredibilmente adattabili e anche gli individui senza il pollice verde dovrebbero essere in grado di mantenerli vivi e prosperi.

Nonostante i loro bassi requisiti di cura, i filodendri hanno un grosso svantaggio: sono tossici per cani e gatti. I filodendri contengono cristalli di ossalato di calcio insolubili, che possono irritare la bocca se la pianta viene consumata. Secondo la Pet Poison Helpline, i sintomi di tossicità a cui prestare attenzione sono "sbavare, scalpitare in bocca, dolore orale, diminuzione dell'appetito e vomito".

Sebbene i sintomi siano meno gravi, i cristalli possono avere un effetto simile se consumati dai bambini, quindi è meglio tenere i filodendri a un'altezza sicura dove nessun piccolo possa accedervi.

Poto

Shutterstock

Tecnicamente chiamato Epipremnum aureum e noto anche come edera del diavolo, le piante di pothos sono le preferite di molti giardinieri indoor per le loro facili esigenze di cura. Sono un'ottima opzione per le aree che non ricevono molta luce solare e possono anche sopravvivere con l'illuminazione fluorescente, secondo The Spruce. Le loro foglie a forma di cuore sono disponibili in una varietà di sfumature di verde e giallo e le loro viti possono facilmente raggiungere fino a 30 piedi se coltivate al chiuso.

Le piante di Pothos sono visivamente simili a molte varietà di filodendro e contengono anche gli stessi cristalli di ossalato di calcio che le rendono tossiche per alcuni animali, compresi i cani. Il consumo di piante di pothos può causare effetti collaterali come "irritazione orale; intenso bruciore e irritazione di bocca, lingua e labbra; sbavare eccessiva; vomito; e difficoltà a deglutire", secondo l'ASPCA.

Proprio come i filodendri, anche questi dovrebbero essere tenuti lontani dagli amici a quattro zampe e dai bambini piccoli per evitarne l'ingestione.

Pianta di giada

Shutterstock

Conosciuta anche come pianta della gomma cinese o pianta della gomma giapponese, la pianta di giada fa parte della famiglia delle Crassulaceae , che comprende 1.500 specie di piante grasse. In alcune culture viene chiamato "albero dei soldi" e si pensa che porti prosperità a chiunque ne possieda uno. È un'ottima pianta d'appartamento per i principianti perché può sopportare un po' di abbandono, richiedendo acqua e luce minime.

Nonostante la sua popolarità, tuttavia, è meglio evitarlo dai proprietari di animali domestici a causa dell'effetto tossico che può avere sia sui cani che sui gatti. Secondo l'ASPCA, i sintomi principali a cui prestare attenzione sono "vomito, depressione e incoordinazione". Wag Walking menziona ulteriori sintomi, tra cui aggressività, battito cardiaco lento, nascondersi e persino convulsioni. La maggior parte delle reazioni sono relativamente lievi e non sono stati segnalati decessi da cani che hanno ingerito piante di giada.

Le piante di giada possono anche essere tossiche per l'uomo se consumate e, in rare occasioni, possono causare irritazioni semplicemente attraverso il contatto con la pelle.

Caladio

Shutterstock

Potresti conoscerli come orecchie di elefante, ali d'angelo, nuvole rosa o malanga, ma queste graziose piante sono tecnicamente chiamate Caladium hortulanum o, semplicemente, caladium. Fanno parte della famiglia delle Araceae e sono piante d'appartamento straordinarie per le foglie rosso brillante e rosa che vantano molte delle loro sottospecie. Nelle zone di rusticità USDA da 9 a 11, il caladium può essere coltivato all'aperto, secondo Garden Design. Mentre il caladium aggiungerà un tocco di colore alla tua casa o al tuo paesaggio, è importante tenere lontani cani, gatti e bambini.

Proprio come alcune delle piante di cui sopra, le foglie di caladium contengono cristalli di ossalato di calcio, che sono tossici sia per cani che per gatti, causando irritazione della pelle, difficoltà a deglutire e dolore e gonfiore alla bocca, secondo l'ASPCA.

Assicurati di tenere queste piante lontane anche dai bambini, perché sono tossiche per l'uomo se consumate, anche se non mortali. La linfa che si trova sugli steli e sulle foglie di caladium può anche causare irritazione alla pelle, quindi ricorda di indossare i guanti quando maneggi o rinvasi queste piante.