Seleziona una pagina

Jonathan Weiss/Shutterstock di Maggie Griswold / 9 settembre 2021 9:29 EDT

Considerando che Ashley Furniture ha più di 20.000 sedi in tutto il mondo e oltre 1.000 punti vendita, non c'è da stupirsi che sia una delle prime società che ci vengono in mente quando pensiamo alle aziende di mobili. Per chi non lo sapesse, però, la storia di Ashley Furniture risale in realtà agli anni '40, quando il noto marchio iniziò come piccola agenzia di vendita. Nel corso degli anni, ha subito molteplici cambiamenti, da fusioni a revisioni totali nella produzione dei prodotti.

Dal 1945 ad oggi, scopri tutte le verità non raccontate che hanno aiutato Ashley Furniture a diventare il gigante del settore che è oggi. Se ami il marchio e vuoi sapere come ha avuto tanto successo, o speri di imparare a dirigere la tua attività nello stesso modo in cui il fondatore di Ashley Furniture ha fatto tanti anni fa, questi momenti e fatti storici ti daranno tutto il intuizione di cui potresti mai aver bisogno.

Ashley Furniture esiste dagli anni '40

JaySi/Shutterstock

La Ashley Furniture Corporation esiste dagli anni '40 per Ashley Homestore sebbene in origine non fosse l'enorme catena di mobili che conosciamo (e compriamo) oggi. Nel 1945, un uomo di nome Carlyle Weinberger fondò le origini di Ashley Furniture; la chiamò Ashley Furniture Corporation e aveva il quartier generale delle operazioni a Chicago, Illinois. A differenza degli Ashley Furniture e Ashley Furniture HomeStores che esistono ora, questa azienda non produceva centinaia di diversi tipi di mobili e li vendeva direttamente ai consumatori. Piuttosto, secondo Business of Home , Weinberger e il suo team si limitavano a fungere da agenzia di vendita.

Mentre altre aziende negli Stati Uniti stavano effettivamente costruendo mobili, la Ashley Furniture Corporation, che esisteva tra il 1945 e gli anni '70, era solo un aspetto dell'operazione: la parte che vendeva effettivamente questi prodotti a consumatori diversi. Quindi, sì, la Ashley Furniture Corporation opera dal 1945 ma a quel tempo era un tipo di azienda quasi completamente diverso.

Ashley Furniture era originariamente due aziende diverse

Youtube

Avanti veloce dalle origini di Ashley Furniture negli anni '40 e ci ritroveremo nell'anno 1970. Arcadia Furniture, con sede ad Arcadia, nel Wisconsin, aveva appena assunto un nuovo direttore generale: Ronald (Ron) Wanek. Secondo la storia di Ashley Furniture, questa particolare azienda di mobili ha venduto i propri prodotti tramite Ashley Furniture Corporation. E se ti ricorderai di prima in questo momento specifico, Ashley Furniture Corporation non produceva i propri mobili. Piuttosto, sono quelli che hanno venduto i mobili che altre aziende (in questo caso, Arcadia Furniture) stavano costruendo.

Negli anni '70, Arcadia Furniture e Ashley Furniture Corporation hanno lavorato insieme, ampliando persino i tipi di mobili che offrivano ai consumatori e creando la propria collezione di mezzi di trasporto, al fine di portare i prodotti dove dovevano andare. Fu solo nel 1982, tuttavia, che Wanek si rese conto che la concorrenza stava aumentando nel settore del mobile e le due società divennero una sola: Ashley Furniture Industries.

Non sempre vendevano tutti i tipi di mobili

Ken Wolter/Shutterstock

Prima che Arcadia Furniture e Ashley Furniture Corporation si fondessero ufficialmente in un'unica azienda, c'erano pochissimi tipi di mobili effettivamente prodotti. Infatti, come notato da Business of Home , Arcadia Furniture all'epoca produceva solo tavoli e armadietti artigianali. Nello specifico le aziende stavano realizzando dei tavolini occasionali tavolini che non hanno un uso specifico, e che possono essere portati fuori casa ogni volta che serve.

A metà degli anni '70, tuttavia, le aziende dovettero affrontare un cambiamento nel loro modello di business. Secondo un'intervista con i membri dello staff di Ashley Furniture tra cui Ron Wanek, lo stesso fondatore dell'azienda Wanek ha dovuto decidere se continuare a produrre tavolini occasionali (che erano in via di estinzione) e sperare che forse l'attività sopravvivesse o cambiasse ciò che le aziende stavano facendo del tutto. Ha deciso per quest'ultimo, ed è allora che Ashley Furniture ha iniziato a produrre mobili per la camera da letto.

Ashley Furniture ha utilizzato un modello di business simile a Walmart

Paul S. Howell/Getty Images

Negli anni '70, secondo la cronologia storica del marchio, Walmart era già diventata un'azienda quotata in borsa, appena otto anni dopo l'apertura del primo negozio. Questo, e il fatto che la società abbia incassato 78 milioni di dollari durante quel periodo, chiarisce il motivo per cui Ashley Furniture ha deciso di adottare un modello di business e di produzione simile a Walmart. La società ha adattato la propria organizzazione, gestione e rete di fornitura a qualcosa che assomigliava a quella di Walmart all'epoca che, come notato da Business of Home, non era qualcosa che altre aziende di mobili stavano facendo in quel momento.

Chiaramente questo modello di business ha dato i suoi frutti, perché nel 2005 Ashley Furniture è diventata uno dei produttori di mobili più importanti negli Stati Uniti. Poi, nel 2007, l'azienda è salita in cima alla classifica dei rivenditori, diventando il più grande venditore di mobili (e materassi, come avevano anche aggiunto a questo punto) nel paese, superando Walmart e tutti gli altri concorrenti.

Ashley Furniture ha sede in Wisconsin

Ken Wolter/Shutterstock

Sebbene Ashley Furniture Corporation abbia le sue origini nell'Illinois, la sede di Ashley Furniture non esiste in quella località. Piuttosto, la società lavora ad Arcadia, nel Wisconsin, la posizione originale di Arcadia Furniture. Tuttavia, ciò non si è verificato fino alla fusione di Arcadia Furniture e Ashley Furniture Corporation nel 1982. Fino a quel momento, l'azienda aveva sede ufficialmente a Chicago.

E sebbene tAshley Furniture sia stata ufficialmente collocata ad Arcadia, non sempre avevano un enorme magazzino in cui riporre i nuovi prodotti che stavano realizzando. Dopo aver modificato il loro modello di business per includere diversi tipi di mobili anziché solo tavoli e armadietti occasionali, si è verificata una svolta molto più rapida. Naturalmente, questi prodotti dovevano andare da qualche parte . Quindi, secondo lo stesso Ron Wanek in una video intervista, il fondatore "costruì otto speroni di vagoni ferroviari. Abbiamo immediatamente prodotto la merce, l'abbiamo messa in vagoni e camion in attesa, l'abbiamo ruotata ed è stato magico". Questo processo ha consentito ad Ashley Furniture di produrre prodotti e portarli a consumatori e rivenditori molto più velocemente.

Ashley Furniture è il più grande rivenditore di mobili negli Stati Uniti

dcwcreations/Shutterstock

Per Business of Home , le dimensioni di Ashley Furniture possono essere attribuite a poche cose diverse. Il primo è che mentre molti rivenditori vendono molti mobili, in realtà non li producono. Ashley Furniture produce e vende tutti i suoi mobili in modo da avere il controllo su tutti gli aspetti della produzione. Per non parlare del fatto che questo include un sacco di profitto su entrambe le estremità. Forse aiuta il fatto che Ashley Furniture abbia iniziato davvero come azienda manifatturiera dopo la fusione del 1982 e mentre vendevano i propri mobili, non era direttamente ai clienti in un negozio al dettaglio.

Un altro motivo per cui Ashley Furniture è cresciuta così rapidamente è il fatto che nel 1984 avevano già alcuni prodotti realizzati in Asia, a differenza di molti concorrenti, che mantenevano la produzione negli Stati Uniti. Quando l'azienda ha aperto il suo primo negozio al dettaglio Ashley HomeStore nel 1997, era già molto avanti rispetto ad altri produttori di mobili. Ashley Furniture è diventata ufficialmente il più grande rivenditore di mobili negli Stati Uniti nel 2007, dopo aver già ottenuto il titolo di più grande produttore di mobili nel 2005.

La proprietà è rimasta nella famiglia Wanek

Joe Hendrickson/Shutterstock

A partire dal 1979, c'erano due membri della famiglia Wanek che lavoravano presso Ashley Furniture: Ron Wanek (il fondatore dell'azienda) e suo figlio, Todd Wanek. Secondo la cronologia storica di Ashley Furniture, Todd è rimasto presso la sede centrale in Wisconsin per 10 anni, fino a quando non si è recato all'estero per gestire Ashley Furniture Industries Taiwan dopo il college. Secondo Forbes, è tornato negli Stati Uniti nel 1994. E nel 1996, Todd era diventato Presidente e Chief Operations Officer di Ashley Furniture Industries.

Solo sei anni dopo, Todd prese il posto di suo padre come CEO di Ashley Furniture Industries mentre Ron divenne presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda. Todd continua a ricoprire il ruolo di CEO al momento della stesura di questo articolo e ha contribuito a portare Ashley Furniture a diventare il gigantesco rivenditore e produttore che è oggi. Con lui come CEO, l'azienda ha raggiunto diversi traguardi tra cui $ 4 miliardi dai soli grossisti nel 2013.

Il fondatore di Ashely Furniture è uno dei 400 americani più ricchi

Immagine/Shutterstock indonesiano

Il direttore generale originale di Arcadia Furniture e fondatore di Ashley Furniture, Ron Wanek, è sempre rimasto uno dei 400 americani più ricchi, secondo Forbes. È stato dentro e fuori dalla lista nel corso degli anni, ma a partire dalla classifica 2020 rimane nella metà superiore di questo gruppo. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il patrimonio netto di Ron è di miliardi. In effetti, si aggira intorno ai 7,7 miliardi di dollari anche se non è stato CEO di Ashley Furniture dai primi anni 2000.

Inoltre, Todd Wanek, figlio di Ron e CEO di Ashley Furniture dal 2002, è entrato nella lista. Sebbene non sia un patrimonio netto così grande come quello di suo padre, la quantità di denaro che Todd è riuscito a garantire durante il suo tempo alla Ashley Furniture è ancora significativa. Secondo Forbes, il suo patrimonio netto è di $ 4,8 miliardi. E, al momento della stesura di questo articolo, la sua posizione nell'elenco era 299°.

Ashley Furniture ha grandi impianti di produzione nel Mississippi

Bannafarsai_Stock/Shutterstock

Oltre al quartier generale ad Arcadia, nel Wisconsin, Ashley Furniture ha anche grandi stabilimenti e strutture di produzione a Ecru, nel Mississippi. In effetti, questi siti risalgono agli anni '90. Come affermato dal fondatore dell'azienda, Ron Wanek, in un'intervista del 2019 con il Woodworking Network, "Ashley Furniture è presente in Mississippi da 25 anni, a partire da 129.000 piedi quadrati di spazio per la struttura per iniziare la produzione di mobili da tappezzeria di Ashley".

Anche in questo momento, Ashley Furniture aveva oltre 3.600 dipendenti che lavoravano nella sola Ecru. "Dal [1994], abbiamo ampliato la nostra struttura Ecru 14 volte, creando un'impronta di produzione e distribuzione di 2,4 milioni di piedi quadrati", ha continuato Wanek. "Queste espansioni sono una testimonianza del nostro supporto regionale, degli ottimi dipendenti e clienti e della posizione di Ashley nel servire un mercato globale". Le aggiunte apportate alla fabbrica nel 2019 erano, a quanto pare, per aiutare il marchio a tenere il passo con gli ordini dal proprio e-commerce e attività online.

Ashley Furniture ha la propria organizzazione senza scopo di lucro

Youtube

Mentre molte società supportano diverse organizzazioni di beneficenza, Ashley Furniture ha effettivamente fondato la propria nel 2010: Hope to Dream. Questa organizzazione lavora per dare letti ai bambini in tutto il Nord America. Quando qualcuno riceve un letto da Hope to Dream, riceve non solo un materasso doppio, ma anche un giroletto, lenzuola e un cuscino. La missione dell'organizzazione no profit è aiutare i bambini a prevenire le conseguenze che possono derivare dalla mancanza di sonno. E, al momento della stesura di questo articolo, Hope to Dream ha donato oltre 100.000 letti.

Questi letti sono finanziati principalmente attraverso i profitti derivanti da Ashley HomeStores negli Stati Uniti. Nella maggior parte degli stati, troverai Ashley HomeStores che partecipano a Hope to Dream e donano una parte delle loro vendite di materassi all'organizzazione no profit. Diverse località doneranno questi letti ai bambini bisognosi dopo che sono stati nominati da qualcuno sul sito web Hope to Dream.

Ci sono oltre 1.000 Ashley HomeStore negli Stati Uniti

Jonathan Weiss/Shutterstock

Sebbene gli articoli prodotti dalla Ashley Furniture Corporation fossero dislocati in tutto il mondo nel 1997, è stato solo in quest'anno che Ashley HomeStores sono esistiti i negozi al dettaglio che vendono i prodotti Ashley Furniture. Secondo la cronologia di Ashley Furniture, il primo Ashley HomeStore si trovava ad Anchorage, in Alaska. Entro l'anno 2019, la società era completamente sbocciata e ha lanciato ufficialmente 1.000 Ashley HomeStore in tutto il paese. Ognuno di loro (ovviamente) trasportava mobili prodotti dalla società iniziata decenni prima.

Secondo Ashley Furniture Industries, questi Ashley HomeStores non fanno effettivamente parte di un franchising. Ogni vetrina può essere avviata in un negozio di mobili già esistente e alcuni imprenditori possono semplicemente aggiungere alcuni pezzi di Ashley Furniture al proprio inventario senza aprire effettivamente un Ashley HomeStore. Questo è probabilmente il motivo per cui elencano 20.000 vetrine totali e 1.050 Ashley HomeStores negli Stati Uniti al momento della stesura di questo articolo.

Ci sono Ashley HomeStore in 60 paesi

JHVEPhoto/Shutterstock

Oltre al vasto numero di sedi di Ashley HomeStores che hanno iniziato ad aprire negli anni '90, ce ne sono state anche molte piantate all'estero. In effetti, puoi trovarli in 60 diversi paesi in tutto il mondo. Secondo Furniture World , ci sono Ashley HomeStore in luoghi come Thailandia, Vietnam e persino Nuova Zelanda, tre delle sedi più recenti del marchio. Troverai anche un Ashley HomeStore ad Aichi, in Giappone, che ha aperto solo tre anni dopo la prima sede negli Stati Uniti, nel 2000.

Se dai un'occhiata anche a come funziona tutto questo, scoprirai (sul sito Web di Ashley Furniture Industries) che ci sono quattro diversi siti di produzione al di fuori degli Stati Uniti. Questi si trovano a Kunshan, in Cina, così come in tre diverse città all'interno del Vietnam: Tan Uyen Town, Binh Duong City e My Phuoc 3 lp. Con siti di produzione all'estero, paesi diversi dagli Stati Uniti sono in grado di distribuire i loro prodotti molto più rapidamente, dando ad Ashley Furniture un vantaggio in termini di accessibilità.