Seleziona una pagina

Shutterstock Di Kirstie Bingham / 5 agosto 2021 11:31 EDT

Girovagando per un quartiere di paesi e città del sud come Charleston e Savannah, potresti notare un certo numero di case con tetti a portico dipinti di una leggera tonalità di blu. Conosciuto come il "paese basso", questa regione è una zona costiera di pianura nel sud di circa 200 miglia che comprende la Carolina del Sud, la Georgia e la Florida settentrionale, scrive How Stuff Works. Il colore blu, noto come "haint blue", è una tradizione portata nella zona dal popolo Gullah; erano schiavi portati dall'Africa occidentale, in particolare dalla Sierra Leone. Furono costretti a coltivare indaco e riso, due delle maggiori esportazioni di Charleston all'epoca, e poi, dopo l'invenzione della sgranatrice, il cotone.

Il termine haint, potenzialmente correlato alla parola ritrovo, è un termine Gullah per un fantasma, o più specificamente, uno spirito irrequieto. Ma non sono fantasmi nel modo in cui la maggior parte degli occidentali li considera. Piuttosto, erano imbroglioni a volte anime perdute simili a streghe lasciate sulla Terra che a volte erano malevole, ma spesso maligne. Secondo la tradizione, un haint potrebbe entrare in una casa attraverso qualsiasi apertura, sia essa una porta, una finestra o anche attraverso qualcosa di piccolo come un buco della serratura (tramite Tales of Southern Haints).

La vernice blu aveva lo scopo di respingere i fantasmi

Shutterstock

Una guida turistica locale a Charleston presso il Palmetto Carriage Works ha spiegato in un recente tour che la convinzione del popolo Gullah era che i fantasmi non potessero attraversare l'acqua. Il pensiero era che i portici dipinti di blu avrebbero confuso gli spiriti, facendo loro pensare che i soffitti dei portici fossero circondati dall'acqua, o addirittura sott'acqua, e quindi li avrebbero tenuti lontani dalla casa, proteggendo i suoi residenti. Genteel & Bard osserva che si sperava persino di scoraggiare la morte stessa. Ma non erano solo i portici che dipingevano; secondo Taste of Home , il popolo Gullah ha dipinto finestre, porte e persiane in blu nel tentativo di garantire che tutti gli spiriti maligni fossero respinti.

Mentre comunemente acqua, blu cielo o blu uovo di pettirosso, qualsiasi colore azzurro sarebbe considerato protettivo, osserva The Augusta Chronicles. La vernice stessa è stata realizzata mescolando il blu della pianta indaco con una calce a base di liscivia, che sebbene non sia particolarmente resistente al colore, avrebbe prodotto qualcosa di simile alla vernice a gesso o alla vernice al latte.

Mentre la tradizione è iniziata con il popolo Gullah, Genteel & Bard osserva che alla fine i coloni adottarono la pratica di dipingere i portici, più per il fascino estetico del colore blu che nella speranza di proteggere la casa dagli spiriti maligni.

La vernice blu ha in realtà un uso repellente potenzialmente reale

Shutterstock

Sebbene non vi sia alcuna garanzia che la vernice blu possa scoraggiare i fantasmi, in una svolta ironica, il colore blu in passato ha effettivamente aiutato a scoraggiare gli insetti portatori di malattie come le zanzare. AL.com osserva che la moderna tradizione locale afferma che il blu confonde uccelli e insetti facendo sembrare che il portico blu fosse in realtà il cielo, quindi in qualche modo li farebbe stare lontani. Tuttavia, secondo un articolo di Sherman Williams sulla storia della vernice blu, potrebbe effettivamente avere più a che fare con il contenuto chimico della vernice storica che con qualsiasi tipo di istinto di insetto o animale. "Quando le vernici blu sono state utilizzate per la prima volta sui soffitti, di solito erano vernici al latte, e quelle vernici spesso avevano la lisciva mescolata nella composizione. La liscivia è un noto repellente per insetti, il che spiegherebbe perché gli insetti evitano di nidificare sul soffitto o sul cornicione di un portico dipinto, " scrive l'articolo (via AL.com).

Detto questo, molte persone nel paese basso pensano ancora che il colore blu agisca per scoraggiare le creature. Come ha sperimentato The Dust Doctor, "Almeno due stagioni fa abbiamo dipinto i soffitti delle grondaie e dei portici di casa e in ufficio con vernice blu scuro … Non avevo notato fino a poco tempo quanto pulite queste superfici siano pochissimi insetti, no ragnatele o nidi di qualsiasi tipo. Questa idea haint blue funziona davvero."