Seleziona una pagina

Abbie Warnock-Matthews/Shutterstock Di Kailen Skewis / 2 giugno 2022 13:43 EDT

Pachycereus marginatus è una specie di cactus originaria dell'America centrale tra cui Oaxaca, San Luis Potos e Quertaro, secondo Llifle. Conosciuto come il cactus del recinto messicano, è spesso usato come barriera nei climi più caldi che ne supportano la crescita. Queste piante rigide possono crescere fino a 50 piedi di altezza in natura, ma rimangono più vicine a 12 piedi quando vengono coltivate a livello nazionale. Spesso si dividono alla base per formare due o più rami, che crescono tutti eretti.

Ogni ramo del cactus del recinto messicano è verde scuro con 5-7 nervature che formano il suo corpo cilindrico. Al centro di ogni costola c'è una linea di areole che presentano molte punte bianche. Secondo l'Università dell'Arizona, quando i cactus invecchiano, le loro spine diventano più corte e fiori rosa o verdi a forma di campana inizieranno a sbocciare. Più avanti nella stagione, i fiori lasciano il posto a frutti rossi spinosi che possono essere usati per fare la marmellata. Il cactus messicano del palo della recinzione è facile da curare e relativamente resistente al freddo, sopravvivendo a temperature fino a 20 gradi Fahrenheit per brevi periodi di tempo. Sarà più felice e più sano, tuttavia, se riesci a fornirgli calore e luce solare adeguati.

Come usare un cactus messicano per staccionata in giardino

Claudio Briones/Shutterstock

Nelle aree più calde come Messico, Arizona, Texas, New Mexico e California meridionale, è comune coltivare cactus messicani all'aperto. Come accennato, vengono spesso coltivati ​​in file per creare una barriera o una recinzione alta. Man mano che i tuoi cactus si moltiplicano, la tua recinzione diventerà più spessa, aumentando così la tua privacy. Possono anche essere usati come punti focali o come parete di fondo nel tuo giardino. Puoi definire le aree del tuo giardino separandole con alcuni cactus alti. Non importa come pianti il ​​tuo, faranno facilmente una dichiarazione.

Sebbene i cactus messicani dei pali di recinzione amino le alte temperature e la luce solare diretta, sono suscettibili ai danni del sole da sovraesposizione quando sono giovani. Posizionare mobili o piante in vaso vicino a loro può aiutare a salvare i tuoi cactus dallo sviluppo di cicatrici scure e pelle gialla, afferma Opportunity Muse. Puoi spostare facilmente i mobili e i vasi quando i tuoi cactus sono abbastanza grandi da resistere alla luce solare intensa. In alternativa, puoi tenere il tuo cactus messicano in una pentola fino a quando non è abbastanza maturo da trapiantare in un punto soleggiato nel terreno.

Come coltivare i cactus messicani del recinto

Natalia Erofeeva/Shutterstock

I cactus messicani del recinto possono essere coltivati ​​​​da talee o semi. Tuttavia, dovrai raccogliere alcune provviste prima di iniziare. Questi includono una lama affilata e sterile, guanti, terriccio per cactus ben drenante e un vasetto. Per iniziare la propagazione dalle talee, individua uno stelo che si è ramificato dalla pianta madre. Come spiegato da Plantophiles, non sarà necessario rimuovere la pianta originale dal suo contenitore. Usa semplicemente il tuo coltello per tagliare lo stelo nel punto in cui si dirama. Quindi, posiziona il taglio in un luogo caldo in modo che possa asciugarsi. Dopo alcune settimane, il taglio dovrebbe essere calloso. A questo punto, puoi piantare lo stelo in una pentola piena di terreno umido specifico per cactus con il lato calloso rivolto verso il basso. Quando il cactus è fissato in posizione verticale, puoi posizionare il vaso in una zona calda dove attecchirà.

Coltivare un cactus da recinzione messicano dai semi è molto più difficile. Puoi acquistare i semi online o eventualmente presso il tuo vivaio locale. In alternativa, puoi anche ricavare i tuoi semi dal tuo stesso cactus maturo che sta dando frutti. Come per Sublime Succulents, devi asciugare bene i semi prima di piantare. Dopo aver messo i semi in un terriccio umido per cactus, dovrai aspettare settimane prima che appaiano piccoli germogli verdi. Le giovani piante sane dovrebbero essere trapiantate in contenitori più grandi per incoraggiare la crescita.

Come prendersi cura dei cactus del palo di recinzione messicani

Viste erranti/Shutterstock

Prendersi cura dei cactus messicani del recinto è semplice sia all'interno che all'esterno. Finché riesci a trovarli in un luogo caldo e soleggiato in cui prosperare, non dovrai dedicare molto tempo alla tua giornata per eseguire cure regolari. Soil Seed and Garden suggerisce di fornire ai tuoi cactus almeno sei ore di luce solare diretta ogni giorno. Ciò significa che dovresti piantarlo nella parte più soleggiata del tuo giardino o posizionarlo nella tua finestra più luminosa. Il secondo aspetto che dovresti considerare quando ti prendi cura di questa pianta è la temperatura. I cactus messicani delle recinzioni preferiscono temperature comprese tra 70 e 85 gradi Fahrenheit e possono vivere in climi molto più caldi. Se vivi al di fuori delle zone di rusticità USDA da 9 a 11, come avvertito da World of Succulents , il tuo cactus non sopravviverà all'aperto. In questo caso, l'opzione migliore è tenerlo in un contenitore che puoi spostare dall'esterno all'interno quando il tempo cambia.

I cactus messicani delle staccionate sono estremamente resistenti alla siccità, quindi annaffiarli richiede pochissimo sforzo. L'irrigazione insufficiente è più vantaggiosa per la pianta rispetto all'irrigazione eccessiva, quindi assicurati di non prestare troppa attenzione. Pianifica di innaffiare il tuo cactus solo una volta ogni due o quattro settimane durante la sua stagione di crescita. Innaffialo a fondo, bagnando le radici con abbondante acqua. In questo modo al mattino presto puoi assicurarti che il cactus non rimanga in acqua durante la notte.

Varietà di cactus Pachycereus

reisegraf.ch/Shutterstock

Il Pachycereus marginatus ha una sola varietà chiamata Pachycereus marginatus f. cristata, secondo Llifle. Tuttavia, diverse specie simili di Pachycereus che a volte vengono confuse con il cactus messicano del palo di recinzione. Tutti i cactus del genere Pachycereus sono originari del Messico e delle aree circostanti come la California e l'Arizona. Godono di temperature calde e sole e sono incredibilmente resistenti alla siccità. Succulent Alley descrive molte di queste alte piante del deserto. Diamo un'occhiata.

  • Pachycereus marginatus f. cristata è anche chiamato il cactus a canne d'organo messicano crestato. È raro e costoso, poiché la sua splendida trama increspata è ricercata da collezionisti di cactus e hobbisti.

  • Pachycereus militaris è un cactus alto da 15 a 20 piedi che presenta soffici setole di cefalio marrone e giallo sulla testa. Il Pachycereus militaris maturo produrrà fiori da questo insolito cappello terminale.

  • Pachycereus pringlei è più spesso chiamato il cactus gigante messicano. Con un peso del tronco di diverse tonnellate, si pensa che questi cactus siano i più grandi del mondo. È noto che sopravvivono fino a 200 anni.

  • Pachycereus pecten-aboriginum è un cactus a forma di albero che va sotto il nome di pettine indiano. Insieme a Pachycereus pringlei, è una delle specie di cactus più grandi.

  • Il Pachycereus schottii è anche conosciuto come il cactus dei baffi. È a crescita lenta come i suoi cugini e presenta molti steli alti ramificati alla base.

I cactus messicani del recinto sono tossici?

anamarlene7/Shutterstock

Secondo Tula, i cactus messicani delle staccionate non sono noti per essere tossici. Tuttavia, a causa delle loro spine affilate, è consigliabile tenerli lontani da animali domestici e bambini che potrebbero ferirsi accidentalmente quando afferrano o masticano questa grande pianta. Sebbene il cactus sia in genere utilizzato solo per il suo valore ornamentale, un giardiniere che ha familiarità con la manipolazione del Pachycereus marginatus può raccogliere i suoi frutti rossi. I frutti compaiono alla fine della primavera o all'inizio dell'estate, dice Llifle. Sono spinosi, ma il loro interno morbido può essere usato per fare deliziose marmellate o gelatine.

I risultati spiegati nel Journal of Medicinal Plants Research affermano che la pianta può essere utilizzata per trattare problemi gastrointestinali e diabete. C'è anche qualche promessa che gli estratti del cactus messicano del recinto possano avere proprietà antitumorali, che possono aiutare nella lotta contro il linfoma e il melanoma. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche su questa specie e sulle altre 1.500 specie della famiglia delle Cactaceae.

Come rinvasare un cactus messicano di un palo di recinzione

Anna K Mueller/Shutterstock

Rinvasare un cactus messicano di un palo di recinzione non è qualcosa che fai spesso. In genere, dovrai rinvasare il tuo solo ogni due o tre anni, secondo Sublime Succulents. Puoi monitorare i tuoi cactus osservando la comparsa delle radici dal foro di drenaggio o sopra il terreno. Se ciò accade, sai che è ora di rinvasare. Prima di eseguire i passaggi successivi per rinvasare il tuo cactus, assicurati di proteggerti dalle sue spine acuminate. Un paio di guanti spessi andrà bene. Dovrai anche trovare un vaso di una dimensione più grande di quello attuale della tua pianta e un terriccio per cactus con cui riempirlo.

Per iniziare il processo di rinvaso, riempi a metà il tuo nuovo contenitore con il tuo mix di cactus. Quindi, rimuovi il tuo cactus dal suo vecchio vaso tenendo ferma la sua base e tirando via delicatamente il contenitore. Può essere utile capovolgerlo o utilizzare uno strumento piatto per rimuovere il vecchio terreno. Una volta che il tuo cactus è fuori, elimina gran parte dello sporco attaccato alle sue radici. Quindi, posiziona la pianta nel nuovo vaso e riempi con terriccio fresco. Premi saldamente lo sporco attorno alla base del cactus per fissarlo. Lascialo riposare nella sua nuova pentola per alcune ore senza annaffiarlo per combattere lo shock da trapianto. Innaffia leggermente in seguito e attendi fino al giorno successivo per annaffiarlo ancora un po'.