Seleziona una pagina

mapman/Shutterstock Di Lucy Clark / 2 maggio 2022 3:44 EDT

Il glicine è una pianta meravigliosa dall'aspetto magico che sfoggia fiori viola unici e sognanti, che pendono drammaticamente da rami ispidi. Contrariamente alla credenza popolare, il glicine, sebbene spesso indicato come alberi di glicine, è in realtà una vite, secondo The Spruce. Detto questo, produce spesso steli incredibilmente spessi, che possono essere facilmente addestrati a crescere nella forma di un albero (tramite White Flower Farm). Indipendentemente dal fatto che venga coltivato come rampicante o rampicante o come albero, il glicine è un'aggiunta spettacolare a qualsiasi giardino.

Il glicine si trova più comunemente in tre varietà americana, cinese e giapponese. Nonostante la loro bellezza e mistica, tutte e tre le varietà crescono incredibilmente velocemente e, come tali, sono considerate invasive in molte parti degli Stati Uniti. Per quelli autorizzati a coltivare la vite, però, ne vale davvero la pena. Con solo un po' di sforzo, puoi avere una vite o un albero unico e di una bellezza mozzafiato nel tuo cortile o giardino.

Come usare gli alberi di glicine in giardino

T-Mizuguchi/Shutterstock

Prima di piantare il glicine nel tuo giardino, ci sono alcune cose da tenere in considerazione. Come sempre, assicurati di vivere in un clima appropriato per far crescere la pianta. The Spruce afferma che il glicine cresce meglio nelle zone di rusticità USDA da 5 a 9 e che non può sostenere la crescita in climi più caldi di questo. Il glicine asiatico (glicine cinese e giapponese) è invasivo anche in gran parte degli Stati Uniti, quindi assicurati che sia sicuro da coltivare nella tua posizione o opta per una varietà americana.

Una volta che hai deciso una varietà, dovrai quindi decidere quale forma vuoi far crescere la vite. I glicini possono essere trasformati in alberi, ma ci vuole molta pazienza, osserva White Flower Farm. Ciò richiede potature e picchettamenti frequenti, monitorando e manipolando da vicino il modello di crescita della pianta. In alternativa, puoi coltivarlo come una vite. Le viti di glicine crescono meglio su tralicci e pergolati, o su qualsiasi altra struttura da giardino altrettanto robusta, secondo Almanac.

Indipendentemente da come lo stai piantando, il glicine ha la tendenza a crescere dove può, quindi tienilo lontano da case e altri edifici. Mentre il glicine sembra stupendo crescere sulle pareti esterne, fai attenzione che non incrini la struttura. Il glicine ha anche un bell'aspetto coltivato in un arco in un giardino, creando un'atmosfera romantica e magica. Altre piante possono crescere accanto al glicine, ma le viti possono sorpassarle, quindi procedi con cautela.

Come piantare alberi di glicine

Marina Andrejchenko/Shutterstock

Il primo passo per coltivare un grande e maestoso albero di glicine o una romantica e sognante vite di glicine è piantarlo nel tuo giardino. Il glicine può essere trovato sia nei vivai locali che tramite i rivenditori online sotto forma di radice nuda. In alternativa, puoi propagare una pianta matura, che verrà coperta in seguito. La semina dovrebbe essere effettuata in primavera o in autunno.

Una volta che il tuo glicine è pronto per essere piantato, White Flower Farm dice di immergere le radici nell'acqua per alcune ore. Nel frattempo, prepara il sito di impianto. Il glicine ama il pieno sole (almeno sei ore al giorno) e un terreno ben drenante. Quando scavi una buca, assicurati che sia abbastanza profonda che la corona si trovi a 1 pollice sotto il terreno e abbastanza larga da contenere le radici e consentire un po' di spazio per diffondersi.

Togli la pianta dal suo ammollo e tieni le radici nella buca in modo che la corona si trovi un pollice sotto la superficie. Riempi di terra e fai attenzione a non creare sacche d'aria. Quindi, usando più terriccio, crea un bordo sul bordo del buco riempito a forma di bacinella, che aiuterà a dirigere l'acqua alle radici. Innaffia abbondantemente e, se cresce come un albero, aggiungi un paletto ora. Se lo tratti come una vite, aspetta che inizi a crescere e poi indirizzalo su un traliccio, una pergola, ecc.

Come coltivare alberi di glicine

Chanawin Tepprasitsakda/Shutterstock

Come accennato in precedenza, il modo più comune e conveniente per coltivare il glicine è acquistare un antipasto a radice nuda. Tuttavia, il glicine può essere coltivato sia dalla propagazione della vite matura che da seme (tramite The Spruce). La coltivazione da seme può richiedere del tempo, ma anche la coltivazione da talea può essere difficile, quindi non aspettarti che questa sia l'opzione più semplice.

I semi di glicine possono essere trovati nei centri di giardinaggio, nei vivai e nei rivenditori online. Iniziare il processo di germinazione una volta che le temperature hanno raggiunto costantemente superiori o uguali a 65 gradi. La sera prima della semina mettete a bagno i semi in acqua tiepida. Quella mattina, riempi alcuni vasi con una miscela di terra fuori suolo e semina i semi un pollice sotto la superficie. Mantienili umidi e tenda i vasi per un'umidità extra. Una volta che i semi germinano e iniziano a crescere di pochi centimetri, trapiantali in un vaso più grande o all'esterno.

Le talee dello stelo dovrebbero essere prelevate in tarda primavera o all'inizio dell'estate e dovrebbero essere verdi, non legnose, lunghe almeno 4 pollici e avere almeno due serie di foglie e un nodo. Tagliare con cesoie pulite e sterili. Quindi, come con i semi, riempi una pentola con terra fuori terra. Immergi l'estremità cruda del taglio nella polvere di radicazione e aggiungi alla pentola. Acqua e tenda per trattenere l'umidità. In poche settimane o un mese, una volta che le radici crescono, trapiantale in un vaso più grande o all'esterno.

Come prendersi cura degli alberi di glicine

nnattalli/Shutterstock

Sebbene sembrino una manutenzione piuttosto elevata, prendersi cura di un albero di glicine o di una vite è facile. Il compito più grande coinvolto nella manutenzione ordinaria è la potatura, che deve essere eseguita a prescindere, ma soprattutto per coloro che vogliono che il proprio glicine diventi un albero.

Come spiegato in precedenza, il glicine preferisce molta luce solare e dovrebbe ricevere almeno sei ore di pieno sole al giorno. Ha anche bisogno di un terreno ben drenante e fertile, osserva Almanac. Il terreno può essere reso più fertile con il compost, che può essere aggiunto alla base della pianta ogni anno in primavera. La pacciamatura della pianta in primavera la aiuterà anche ad autoregolare i suoi livelli di umidità e prevenire le erbacce. Il glicine deve essere annaffiato solo durante i periodi di siccità o quando piove meno di un pollice a settimana.

Se hai difficoltà a far fiorire la pianta, ci sono alcune cose che puoi provare. Uno, aggiungi un ammendante del terreno ricco di fosforo sotto forma di fertilizzante per la fioritura, farina d'ossa o fosfato di roccia. Tagliare le propaggini dei fiori aiuterà anche la pianta a reindirizzare la sua energia verso le fioriture e le gemme già esistenti. Le giovani piante dovrebbero essere potate alla fine dell'inverno per rimuovere circa la metà della crescita del loro anno. Le viti mature possono essere semplicemente potate per valore estetico o lasciate sole. Il glicine degli alberi dovrebbe essere potato almeno una volta in estate, tagliato di 6 pollici e di nuovo in inverno.

Varietà di alberi di glicine

segawa7/Shutterstock

Mentre il glicine è spesso raggruppato solo in due categorie americane e asiatiche, in realtà esiste una gamma piuttosto vasta di specie per un totale stimato di circa 10 varietà, secondo Britannica. Sebbene la pianta provenga principalmente dai suddetti continenti, e sebbene sia importante distinguere i due per la potenziale invasività, è interessante conoscere la differenza tra le varietà. Eccone solo alcuni, per gentile concessione di Gardenia:

  • Wisteria macrostachya: Il glicine del Kentucky o Blue Moon Kentucky Wisteria è una specie americana e porta fiori di lavanda molto più chiari, quasi bianchi.

  • Wisteria floribunda: questa specie, denominata glicine giapponese, è una delle più popolari del genere e i suoi fiori viola sbocciano bene nella stagione autunnale, a differenza di altre varietà.

  • Wisteria frutescens: questa è un'altra varietà americana, forse la più popolare accanto al glicine giapponese, e ha fiori viola dai toni blu delicati e più discreti.

  • Wisteria sinensis: questa specie è più comunemente chiamata glicine cinese ed è molto più bluastra rispetto ai suoi parenti, oltre ad essere il cibo preferito delle api.

  • Wisteria brachybotrys: Conosciuta anche come Wisteria venusta o Silky Wisteria, questa varietà asiatica produce fiori bianchi o viola molto chiari che assumono una bella sfumatura dorata in autunno.

Gli alberi di glicine sono tossici?

Marina Andrejchenko/Shutterstock

Nonostante la sua bellezza, tutte le parti del glicine sono piuttosto tossiche sia per gli esseri umani che per gli animali (tramite Almanac). Ciò è dovuto a due sostanze lectina e glicine. Se ingerite da cani o gatti, queste sostanze possono causare diarrea, vomito (potenzialmente con sangue) e depressione, secondo l'ASPCA. Se sospetti che il tuo animale domestico abbia ingerito una parte qualsiasi di una pianta di glicine, consulta immediatamente un medico. Dovresti anche portare con te la parte della pianta che hanno mangiato, poiché alcune parti sono più tossiche di altre.

Sebbene non ci siano molti casi gravi di avvelenamento da lectina o glicine negli esseri umani, la pianta dovrebbe comunque essere evitata e i bambini dovrebbero essere monitorati quando giocano accanto ad essa. Science Direct osserva che mangiare la pianta può provocare irritazione gastrointestinale (vomito, diarrea, mal di stomaco), irritazione orale (bruciore) e altri sintomi come vertigini, confusione, svenimento e debolezza generale. Sebbene questi effetti non durino più di due giorni, si consiglia comunque di consultare una hotline per il controllo dei veleni o un medico dopo l'ingestione. Dovresti sempre rimuovere i baccelli della pianta anche dopo la fioritura, poiché questa è la parte più tossica. Anche le foglie e i fiori morti o caduti dovrebbero essere regolarmente puliti e smaltiti.