Seleziona una pagina

MyrKu/iStock di Leslie Anderson / Aggiornato: 25 gennaio 2022 9:53 EDT

Poche caratteristiche possono far sembrare un bagno obsoleto e in cattive condizioni come il mastice intorno alla vasca da bagno. Secondo This Old House, il vecchio mastice sembrerà duro e incrinato, segnalando che è ora di sostituirlo. Pertanto, se noti muffa, residui, macchie scure o crepe, la tua vasca da bagno ha bisogno di un nuovo lavoro di mastice. Fortunatamente, questa riparazione non richiede alcun utensile elettrico ed è facile da completare.

Avrai bisogno di un tubo di mastice specifico per cucine, bagni o piastrelle, una pistola per calafataggio, alcuni panni morbidi e una spazzola. Avrai anche bisogno di bicarbonato di sodio o detergente per il bagno per la preparazione, uno strumento per raschiare con una lama di rasoio per togliere il vecchio mastice e del nastro adesivo. Oltre alle forniture e agli strumenti, dovrai anche assicurarti di avere abbastanza tempo per far asciugare e indurire il mastice, che richiedono rispettivamente 30 minuti e 24 ore. Altrimenti, è un compito facile!

1. Scegli il mastice ideale per la vasca da bagno

ZikG/Shutterstock

Per questo progetto, avrai bisogno di un mastice designato per il bagno o uno classificato come ideale per la cucina. Mentre i composti di lattice acrilico o silicone si dimostrano il mastice preferito a causa delle loro qualità impermeabili, ognuno di essi ha pro e contro. Il lattice acrilico dovrà essere sostituito prima del silicone, ma è anche più facile da applicare e richiede meno pulizia. D'altra parte, il silicone non ha bisogno di essere sostituito così spesso, ma è difficile da levigare ed è esigente su ciò a cui aderisce, come da This Old House.

2. Strofinare il bordo prima di sigillare la vasca da bagno

Frezi Gate/Shutterstock

La pulizia del bordo della vasca ti aiuta a evitare sporcizia e residui durante il calafataggio della vasca. Inoltre, se utilizzerai il nastro adesivo come guida, un'area pulita ne garantisce l'adesività. Pertanto, dovresti strofinare e risciacquare la parte della vasca in cui il piano della vasca incontra la piastrella. Se sei ancora preoccupato per la muffa, puoi anche usare candeggina o aceto bianco e un panno privo di lanugine per pulire quest'area dopo aver rimosso il vecchio mastice, come per Apartment Therapy. Una volta completato, lascia che la cucitura si asciughi completamente prima di applicare il mastice.

3. Rimuovere la pellicola dal bordo della vasca

Budimir Jevtic/Shutterstock

A volte una pellicola residua rimane dal vecchio mastice, ma puoi lavarla via facilmente. Puoi usare un panno umido e del bicarbonato di sodio per eliminare i residui. Successivamente, dovrai rimuovere il bicarbonato di sodio con un panno pulito e umido e lasciare asciugare completamente l'area. Secondo This Old House, se hai difficoltà a pulire la polvere e i residui sulla vasca, puoi strofinare l'area con alcol denaturato. Durante il completamento di questo passaggio, dovrai assicurarti che ci sia un'adeguata circolazione dell'aria nella stanza.

4. Scegli il tuo strumento di rimozione ideale

spaxiax/Shutterstock

Secondo This Old House, dovresti scegliere uno strumento che si adatta meglio al tuo livello di comfort e al tuo progetto. Se ti senti a tuo agio con una lama affilata, allora un raschietto con una lama di rasoio serve allo scopo. Al contrario, se preferisci non utilizzare uno strumento affilato, puoi trovare altri strumenti per la rimozione del calafataggio presso il tuo negozio di ferramenta locale. Tuttavia, l'utilizzo di uno strumento più smussato potrebbe prolungare la durata del progetto. Il rasoio funziona in modo più efficace, ma devi guardare l'angolo della lama in modo da evitare di raschiare la vasca.

5. Ritaglia il vecchio calafataggio

RJ22/Shutterstock

Secondo This Old House , dovrai rimuovere il vecchio mastice per garantire che il nuovo sigilla correttamente. Per rimuovere il mastice, tappa lo scarico e stendi un panno sopra la vasca per raccogliere eventuali detriti. Quindi, usa uno strumento da taglio a rasoio come un taglierino o una spatola per iniziare a tagliare l'area di cucitura tra la vasca e la piastrella. Mentre tagli, tieni il rasoio piatto per assicurarti di non graffiare la vasca. Fare una fetta continua, invece di scavarla, rimuove il mastice più facilmente.

6. Scegli una pistola per calafataggio di qualità

Stock Palatinato/Shutterstock

Non tutte le pistole per calafataggio sono create allo stesso modo. Bob Vila osserva che una pistola di qualità avrà caratteristiche come un'asta liscia, uno stantuffo robusto e un telaio girevole che ti consente di calafatare gli angoli all'interno senza fermarti. Dovrai anche controllare l'etichetta per il rapporto di spinta, che è la correlazione tra la forza che eserciti sul grilletto e la quantità di forza emessa dallo stantuffo. Un basso rapporto di spinta funziona bene per progetti leggeri, come il calafataggio della vasca da bagno, mentre un rapporto di spinta più alto è più adatto per progetti più grandi, come lavorare con il cemento.

7. Riscalda il mastice

Photosync/Shutterstock

Un altro consiglio facile per sigillare la vasca da bagno consiste nell'applicare calore a basso livello al tubo prima di applicare il mastice. Riscalda il tubo lasciandolo riposare in acqua tiepida o tenendolo tra le mani. Una di queste opzioni aumenterà la temperatura del mastice, che gli consentirà di defluire più facilmente dall'ugello, come notato da The Spruce . Questo creerà una linea di mastice pulita.

8. Proteggi i bordi con del nastro adesivo

Stephen Reeves/Shutterstock

Questo suggerimento successivo potrebbe sembrare più laborioso, ma ti farà risparmiare tempo perché non dovrai rimuovere il mastice extra quando hai finito. Puoi usare il nastro adesivo per bloccare l'area intorno alla cucitura che andrai a sigillare, limitando il disordine causato dalla fodera. Lifehacker consiglia di applicare una striscia lungo la parete piastrellata e un'altra striscia sulla vasca appena sotto la cucitura. Una volta che hai sigillato la vasca da bagno, attendi qualche minuto e poi rimuovi con cura il nastro adesivo.

9. Tagliare correttamente l'ugello

OttoPles/Shutterstock

Come accennato in This Old House , dovresti tagliare la punta dell'ugello con un angolo di 45 gradi. Questa apertura obliqua consente di entrare nel piccolo spazio della cucitura mantenendo il controllo del flusso del calafataggio. Inoltre, puoi tagliare appena sotto la punta dell'ugello per creare un flusso lento per uno spazio ristretto. Se la tua cucitura richiede più mastice per riempire lo spazio vuoto, puoi tagliare più in basso l'ugello per creare una cucitura più spessa.

10. Mantieni una presa stabile sulla tua pistola per calafataggio

Alexander Ruiz Acevedo/Shutterstock

Secondo This Old House, puoi controllare la tua pistola per calafataggio mantenendola in piano. Se muovi l'impugnatura della tua pistola, rischi di ottenere più mastice sul nastro che sulla cucitura. Questa azione controllata diventa più importante quando si sigillano gli angoli. In effetti, gli angoli funzionano meglio come punti di arresto per il tallone. Se provi a continuare dal lato successivo, potresti inclinare accidentalmente la tua pistola per calafataggio e lasciare una quantità irregolare di mastice nell'angolo o perderla del tutto.

11. Non fermarti nel mezzo

Kapustin Igor/Shutterstock

Un altro aspetto critico del calafataggio della vasca da bagno è quello di creare una linea continua non-stop su ciascun lato, secondo This Old House. Idealmente, non dovresti avere protuberanze o grumi lungo i lati della vasca. Eventuali residui di sapone o vecchi sigillanti avrebbero dovuto essere rimossi per evitare di doversi fermare o, peggio, tornare indietro con la pistola per calafataggio. Applicando un cordone continuo e liscio, avrai una linea uniforme e una cucitura completamente sigillata.

12. Utilizzare riempitivi per grandi spazi vuoti

Sul set/Shutterstock

Di tanto in tanto, potresti imbatterti in una lacuna più ampia che richiede un riempimento più sostanziale. Per quanto allettante possa essere, non puoi usare il mastice per colmare questa lacuna. Il mastice impiegherebbe più tempo ad asciugarsi e quel prodotto in eccesso non può garantire una solida chiusura della cucitura. Secondo Bob Vila, la risposta a questo dilemma è riempire un'asta di sostegno per riempire lo spazio e poi calafatare su di essa.

13. Utilizzare un tubo comprimibile per piccoli spazi

ZikG/Shutterstock

Cosa succede se hai il problema opposto e la cucitura è troppo piccola? The Spruce consiglia di utilizzare un piccolo tubo di compressione per momenti del genere. L'ugello del tubo ha una forma simile a un tubo più grande di mastice. Pertanto, tagliare vicino alla punta ti darebbe una linea di calafataggio sottile e facile da controllare. Proprio come le altre dimensioni, dovrai anche mantenere una pressione costante e applicare una perlina liscia e continua.

14. Rispettare il tempo di asciugatura e polimerizzazione corretto

Nadija/Shutterstock

Tra tutti i suggerimenti, questo si rivela vitale. Il mastice deve asciugarsi completamente prima che qualcuno usi la vasca. Nella maggior parte dei casi, il mastice deve asciugare per 30 minuti, come menzionato in This Old House. Mentre alcune persone potrebbero sentirsi al sicuro usando la doccia dopo il tempo di asciugatura assegnato, potresti considerare di aspettare più a lungo. Il mastice richiede 24 ore intere per polimerizzare completamente, quindi è meglio aspettare un giorno intero prima di esporre l'area all'umidità.

15. Riempire la vasca con acqua durante la polimerizzazione

Ameashi/Shutterstock

Questo suggerimento successivo suona strano, ma funziona bene. Dopo aver sigillato la vasca da bagno, Bob Vila consiglia di riempirla d'acqua e lasciarla riposare per 24 ore mentre il mastice si asciuga. Fondamentalmente, stai aggiungendo peso alla struttura, che fa allungare il mastice, impedendogli di spostarsi.

In definitiva, questo progetto prenderà parte a un fine settimana a causa del suo tempo di stagionatura. Tuttavia, il risultato finale è una finitura pulita che illumina il tuo bagno. Aspetta solo di vedere la differenza una volta completato il lavoro.